ESCURSIONI DA NON PERDERE

IMG_0977

Per maggiori informazioni o per info su costi e prenotazioni chiamare il numero verde 800.14.55.33 o fare richiesta tramite il modulo contatti.

Sardegna non è solo mare, è un paradiso da scoprire. Da Santa Teresa Gallura/ La Marmorata è possibile partire per tantissime escursioni e gite organizzate:

Minicrociera all'arcipelago della Maddalena

Partenza alle ore 9,15 con una bellissima navigazione panoramica delle Bocche di Bonifacio verso l’isola di Budelli con la sua famosissima Spiaggia Rosa ed il Manto della Madonna.
Durante la navigazione potrete realizzare magnifiche riprese e fotografie anche grazie all’aiuto dei nostri comandanti, i quali saranno lieti di illustrarvi tutte le bellezze naturali dell’arcipelago.
Durante la giornata verranno effettuate soste all’Isola di Santa Maria e all’Isola di Spargi dove avrete la possibilità di fare un bel bagno e soprattutto di stare a contatto con la natura più incontaminata di tutto il Mediterraneo.
Più una sosta dettata dall’Ente di Gestione del PARCO all’isola di La Maddalena, dove avrete la possibilità di visitare le vie del centro storico di questo antico paese o più semplicemente fare dello shopping nei famosi artigianati isolani.
Alle ore 12,00 circa su tutte le imbarcazioni del Consorzio delle Bocche sarà offerto il pranzo che comprende: pennette alla marinara, pane, formaggio, tutto servito comodamente a tavola.
Al rientro navigazione panoramica di Cala Sambuco, la Marmorata, l’isolotto dei Gabbiani e la Rena Bianca (la spiaggia principale di Santa Teresa), dove, se le condizioni meteo e l’orario lo permettono, potrete fare un altro bagno.
Alle ore 17.15 circa saremo nuovamente in porto.

Visita del sito archeologico Lu Brandali

Nella nostra meravigliosa isola Sarda, più di 3000 anni fa, una popolazione di genti chiamate nuragiche, crea i propri insediamenti, composti da nuraghi, villaggi abitativi, tombe di giganti e strutture megalitiche. Scoperto negli anni ’60, il sito archeologico di Lu Brandali, è stato oggetto di campagne di scavo a più riprese. Nel sito si può visitare la Tomba di Giganti – che ha portato alla luce circa 50 inumazioni – e il villaggio nuragico. Sull’estremità rocciosa dell’area, vi è anche il nuraghe provvisto di 2 torri, non visitabile perché ancora da scavare. La datazione del sito va dal XIV sec. al X sec. a.C.(bronzo medio, bronzo medio finale). La bellezza e la ricchezza naturalistica dell’intera zona, rende oggettivo il motivo per cui le popolazioni antiche la scelsero per installare il loro insediamento abitativo. Tutta la zona è stata spettatrice e protagonista di diversi contatti, non solo nel periodo nuragico ma continua anche in epoca romana, fino ai giorni nostri. Sarà per la sua posizione strategica, fatto sta che Santa Teresa Gallura e i suoi siti di interesse storico archeologico, hanno dato modo agli studiosi di aggiungere tessere mancanti a quel grande puzzle che è la storia della Sardegna.

Visita della Torre di Longosardo di Santa Teresa Gallura

In base alle costruzioni presenti nel territorio sardo, possiamo dire che il suo popolo era tra i più esperti nel settore costruttivo.  Dopo la cacciata dei mori dalla spagna con l’editto del 1502 i saraceni si unirono ai Berberi del Nord Africa coi quali iniziarono una lunga campagna di saccheggi ed invasioni sia in Sardegna che nel Sud d’Italia.  La situazione continuò fino al 1570, anno in cui la Spagna si vide costretta ad attuare un piano di difesa che prevedeva la costruzione di torri di guardia.  Nel 1581 Filippo II di Spagna istituì la Reale Amministrazione delle Torri per ristabilire l’intero sistema difensivo, organizzativo ed economico costiero. Le torri erano divise in 3 categorie: Gagliarde (le più grandi per una difesa pesante dotate di 4 cannoni di grosso calibro, 2 spingarde e 5 fucili), Senzillas (di media grandezza per una difesa leggera con 2 cannoni di medio calibro, 1 spingarda a 3 fucili) e Torrezillas(le più piccole utilizzate per punto di avvistamento con 2 fucili e 1 spingarda). Le torri più grandi erano controllate da 1 Alcaide, un artigliere e 4 soldati, quelle medie da meno uomini e le piccole da un solo uomo.   Vi erano anche altri tipi di soldati come gli Atalayas che perlustravano a piedi i tratti in cui non vi erano torri, le Guardie Morte che controllavano punti fissi di vedetta, le Ronde Marine che controllavano via mare e i Bastonatieri i quali avevano il compito di recarsi in punti prefissati soprattutto all’alba per controllare eventuali sbarchi. Nelle torri i soldati dovevano sempre avere con se il binocolo per gli avvistamenti in lontananza, la legna da ardere per segnalare col fuoco durante la notte e con il fumo durante il giorno e i corni per le segnalazioni acustiche.  Nel 1867, a seguito di un decreto regio, le torri cessano la loro attività militare, non tutte ma quasi, in quanto ormai le incursioni barbariche erano cessate e non vi era più motivo né soldi per mantenerle attive.  Dalla cartografia fatta nel corse degli anni, sono state censite 150 torri ma la maggior parte di queste sono state distrutte o sono pericolanti, il 40% è però in buono se non ottimo stato.

La nostra torre fa parte di quel piano di costruzione torri voluto dal Re Filippo II. Si erge sul promontorio del paese.  La sua posizione ottimale, a ridosso di uno strapiombo granitico importante ha sempre evitato o per lo meno attutito gli attacchi nemici.  Non esiste datazione certa della sua costruzione, forse il 1577 si riferisce all’inizio lavori in quanto la torre viene citata nella Carta della Sardegna del Cappellino, di sicuro fu conclusa nel 1599 in quanto in attività. In un secondo tempo furono erette delle mura – come una sorta di trincea – come barriera difensiva di cui oggi riamane solo un piccolo tratto alla sua sinistra.  Per la costruzione delle torri venivano generalmente utilizzati materiali reperibili in loco, La torre di Longonsardo non poteva che essere costruita con blocchi di granito, ha un diametro di 19 metri, un’altezza di 11 mt. ed una superficie di 285 mq. che utilizzando il sistema di misura del tempo corrisponde a 2 trabucci e 11 piedi, era provvista di 2 cannoni sulla terrazza, di un sistema per la canalizzazione dell’acqua e di una cisterna sotto il pavimento.  Inizialmente era sprovvista di una scala esterna in quanto veniva utilizzata una scala di corda a pioli, al centro dell’area abitabile, in origine con 2 vani, si eleva una colonna che sorregge la volta ricurva, si può trovare tuttora una vasca scavata vicino al muro a sud-est che riforniva la guarnigione di acqua piovana. La volta è raggiungibile da una scala a chiocciola dove vi è un muretto di circa un metro in cui vi sono delle feritoie che conferiscono alla torre la merlatura.  Dalla parte opposta della porta principale si trova un’apertura che oltre a dare luce all’ambiente veniva utilizzata per gli avvistamenti e forse per l’utilizzo di armi leggere aggiuntive ai cannoni sul terrazzo.  Nella torre risiedeva un Alcaide che aveva il compito di controllare 57 miglia di costa.  Nel 1720 con il trattato di Londra, la Sardegna passa in mano ai Savoia e nel 1792 vennero apportate le prime riparazioni e modifiche in previsione di attacchi francesi; i lavori non proprio a regola d’arte e l’assottigliamento critico che ci fu, diedero vita ad un episodio tra i più cruenti della storia del paese; era giugno del 1802 quando la torre fu presa d’assalto ed espugnata da un piccolo gruppo di emigrati sardi riparati in Corsica seguaci dell’Angioy con a capo il prete Francesco Sanna Corda il quale travolto dalle truppe arrivate dal La Maddalena cadde in combattimento ai piedi della torre dove, pare, fu sepolto.  Da quel momento il comando fu preso dal capitano Pietro Francesco Maria Magnon, il quale notando l’importanza del luogo e la possibilità di essere autosufficiente spronò il Re Vittorio Emanuele I che il 12 agosto 1808 emanò un decreto che ordinava la creazione del nuovo paese.

.

Grotte di Nettuno - Alghero

La storia delle Grotte di Nettuno risale ai tempi preistorici. Diverse tracce, appartenenti al Neolitico, rinvenute al loro interno, fanno pensare che siano trascorsi circa 2.000.000 anni dalla sua formazione.

Raggiungerle è facilissimo. In partenza dal porto di Alghero, sarete scortati fino alle Grotte di Nettuno e durante il viaggio potrete approfittarne per godere dello spettacolo meraviglioso che gli scorci di mare e montagna, sulla costa algherese, sapranno offrirvi.

© Copyright 2017 Traveller in Wonderland srl
Agenzia di Viaggi - Girandola Viaggi REA SV - 160957 CF P. IVA 01602280099 Autorizzazione e Licenza Provv. n° 8016 del 23.11.2011 Autorizzazione OLTA